ritratto ph. Niccolò Ceccanti

BIO

Anita Brandolini

Fondatrice del Progetto| Associazione Orizzonti Alt|r|i

(www.orizzontialtri.com ), interessata da sempre al Movimento e alle sue molteplici declinazioni e manifestazioni, si dedica alla danza e alla ricerca coreografica esplorando ad ampio spettro la dimensione orizzontale e verticale dello spazio.
Laureata con tesi in Storia della Danza e del Mimo presso il Dipartimento di Discipline della Arti, Musica e Spettacolo della Facoltà di Lettere e Filosofia di Firenze, coltiva il suo slancio verso il movimento partecipando a seminari e workshop in tutta Europa con professionisti sia nell’ambito della Danza sia in quello del Teatro con particolare attenzione al Teatro Fisico (studi su Grotowsky, Barba, Mejerchold, Artaud). Inizia a studiare teatro fisico grazie all’incontro con l’attore e regista spagnolo Sergio Suarez della compagnia Efesoteatro (efestoteatro.blogspot.com) di cui è membro dal 2010 e con la quale collabora a seminari di Espressione Corporale e Movimento Organico, Training per l’attore/ danzatore proposti in svariate città spagnole come italiane.
Per quanto riguarda la danza studia teatrodanza prevalentemente con Cristiana Morganti e Kenji Takagi ( Tanztheater Pina Bausch), collabora con Virgilio Sieni per il progetto “Cinque Nonne” presentato al Festival InEquilibrio 2011 per il progetto di tesi, segue seminari con artisti e maestri tra cui David Zambrano, Ohad Naharin, Brigel Gjoka, Roberta Mosca, Giorgio Rossi, Anjelika Doniy, Martin Keogh, Nita Little, approfondisce i principi del metodo Body Mind Centering seguendo lezioni con Bonnie Bainbridge Cohen, segue inoltre seminari di ATB (Awareness Through the body) di cui sta svolgendo la formazione e dal 2017 è insegnante di Contakids a seguito del percorso di formazione con il fondatore Itay Yatuv.

A partire dal 2007 espande la sua ricerca sul movimento anche attraverso la Danza Aerea di cui è tutt’ora insegnante, con particolare attenzione all’utilizzo degli strumenti aerei come stimolanti propulsori percettivi delle possibilità del corpo in movimento data la particolarità offerta da questa disciplina ossia il poter esplorare e abitare la verticalità dello spazio. Sviluppa diversi progetti personali tra i quali le performance "Ritorno al Semplice", "A piene mani" ,  "nonsolocorpisoli" (2012- Certaldo, Cordoba, Cadice, Firenze , Prato) , Pele|Skin con Tadeu Liesenfeld (2012 2013), Latency (2014),  FR/AGILE (2016-2018 -Cordoba-Roma-Atene-Firenze), d’ | i s t a n t i ( 2020 Carrara) e collabora da svariati anni con il performer greco Drosos Skotis ( compagnia Dimitris Papaioannou) con cui sta terminando un processo di creazione che li ha coinvolti dal 2018 al 2020 nella creazione della loro prima piece ”d i s s s s t a n c e”.